La Scuola Capovolta

Scuola capovolta e Scuole aperte

Con l’avvio del nuovo anno scolastico, l’IstitutoTecnico per il  Marco Polo si presenta a studenti, insegnanti, personale e famiglie con alcune importanti novità nei locali (l’aula docenti e l’aula Angela Fiume) e nell’organizzazione della didattica (avvio della classe sperimentale), frutto anche del percorso della Scuola Capovolta. Il valore della partecipazione non risiede, però, unicamente nei risultati tangibili, pur fondamentali, ma nell’approccio e nel metodo che contribuiscono a far emergere esigenze e proposte per rispondervi.

La scelta del coinvolgimento e dell’ascolto attivo delle diverse componenti della comunità scolastica per individuare aree di intervento e azioni da realizzare riflette, infatti, la volontà di avviare un percorso di lungo periodo che pone al centro delle scelte della scuola i soggetti che ne sono primi protagonisti per non calare dall’alto ma per condividere e co-progettare. La strada da percorrere è naturalmente ancora lunga e sono molti i canali con cui la scuola conta di portare avanti altre delle proposte indicate dai partecipanti della Scuola Capovolta. Nei prossimi mesi contiamo di mettere in atto una serie di altre iniziative in tal senso con la collaborazione di tutti.

Progetto "La scuola Capovolta"

Nel mese di aprile, subito dopo la pausa per le vacanze pasquali, prenderà avvio il percorso partecipativo “La scuola capovolta”. Per circa tre mesi studenti, insegnanti, personale e genitori saranno invitati a partecipare attivamente agli incontri e ai tavoli di lavoro per costruire insieme “una scuola migliore”.

Si tratta di un’occasione importante nella vita della scuola e non solo: siete tutti invitati a informarvi e a diventarne protagonisti!

La scuola capovolta.

Percorso di partecipazione per costruire insieme una scuola migliore.

Di cosa si tratta

“La scuola capovolta” è un percorso partecipativo - promosso dall’Istituto Tecnico per il Turismo Marco Polo e finanziato dal MIUR, nell’ambito del bando regionale “Partecipazione Studentesca a Scuola” - che coinvolge studenti, insegnanti, genitori e personale scolastico per migliorare la scuola.
Il percorso, sia pure nel rispetto dei ruoli, è strutturato in modo che tutti possano esprimersi e avere peso nella costruzione di un “progetto educativo condiviso”.

Cosa si vuole fare

Il progetto vuole sperimentare nuove pratiche di partecipazione, e favorire il coinvolgimento attivo della popolazione scolastica perché i diversi soggetti che compongono la comunità scolastica possano esprimere bisogni e proporre soluzioni; e perché possano progettare attività, realizzare servizi, creare o innovare spazi, stabilire o modificare relazioni, nel comune obiettivo di migliorare la qualità della vita scolastica.
Si mira a raggiungere questo ambizioso obiettivo tramite la responsabilizzazione di tutti i soggetti protagonisti all’interno della scuola per una presa in carico diretta del cambiamento, per riacquisire e condividere il senso di questo luogo, per migliorarne modalità e qualità dell’apprendimento ma anche relazioni e democrazia.

Come “funziona”

Il percorso si struttura in due fasi:

- la prima prevede un ascolto attivo delle voci di tutti i protagonisti della comunità scolastica attraverso strumenti e metodi di diverso tipo;
- la seconda è orientata a rispondere concretamente ai bisogni emersi nella prima fase, attraverso laboratori di progettazione partecipata.

L’intero percorso verrà seguito in ogni sua fase da un Tavolo di coordinamento che si riunirà periodicamente per monitorare l’andamento del percorso, composto da:

il Dirigente Scolastico Ludovico Arte, i proff. Battini, Aluffi, lo psicologo della scuola Matteo Marini, gli studenti Annamaria Leo, Amelia Grigore e Jessica Fattori, e per i genitori Monica Baroni.

Il percorso verrà gestito dal punto di vista metodologico e nella facilitazione di tutti i momenti di partecipazione da Sociolab (www.sociolab.it).

Tutti i materiali prodotti durante il percorso (rapporti, video, foto) verranno messi a disposizione su questa pagina.

Il calendario degli appuntamenti

  • Lunedì 4 aprile 2016 dalle ore 10 alle ore 13– Incontro/Interviste con il personale Ata
  • Giovedì 14 aprile 2016 dalle ore 16 alle ore 19– Incontro con i genitori
  • Mercoledì 27 aprile 2016 dalle ore 14.45 alle ore 17– Incontro con i docenti
  • Venerdì 29 aprile dalle ore 10 alle ore 14 – Incontro con 2-3 studenti per classe (i rappresentanti o altri scelti dalla classe stessa)

Nel mese di maggio (in date ancora da definire) saranno organizzati due laboratori di co-progettazione per concretizzare le proposte per “una scuola migliore”: studenti, genitori, insegnanti e personale lavoreranno insieme, in tavoli di discussione tematici (individuati sulla base delle proposte più condivise nella fase di ascolto), verranno facilitati e coinvolgeranno esperti sui temi in oggetto.

Nel mese di giugno (in data ancora da definire) sarà organizzato un momento pubblico di restituzione dei risultati di percorso.

Per informazioni e chiarimenti

ITT Marco Polo: fitn01000p@istruzione.it.